Visioni, deliri e racconti a proposito di cultura horror, musica, cinema, libri e humor nero tendente al macabro...

The Angels Chronicles

Un fantasy Tarantiniano...

Se dovessi dare una risposta precisa alla domanda perchè proprio gli angeli?, credo che trovare un'argomentazione valida mi risulterebbe alquanto difficile, se non impossibile... Come mai il sottoscritto abbia deciso di sviluppare un intero romanzo intorno a queste figure divine - e mitologiche - rimane difatti un mistero che in parte non sono in grado di spiegare neppure io; anche se un paio di teorie, a riguardo, con il tempo sono riuscito a farmele...


The Angels Chronicles from Casini Editore on Vimeo.

Angeli e segni divini (ma non troppo)

E' sempre stata una mia convinzione che siano le storie a scegliere noi e non il contrario. Scrivendo racconti e cimentandomi in seguito con narrazioni di più ampio respiro come "Le Cronache degli Angeli" e gli altri due romanzi che sto scrivendo in questo periodo, ho imparato che l'ispirazione e l'idea per un soggetto di solito non si trovano in qualche posto particolare, ne fuori ne dentro di noi, ma in realtà galleggiano tutt'intorno a noi nell'atmosfera, come soffici nuvole invisibili, pronti per essere colte e messe su carta; a patto, naturalmente, che si sia nella predisposizione d'animo adatta per riuscire a vederne i contorni sottili, e si abbia la pazienza necessaria per aspettare che ne passi qualcuna dalle nostre parti...


Se il divino incontra il diabolico

Quando ho iniziato a scrivere "The Angels Chronicles", non avevo la minima idea di dove la storia mi avrebbe portato: in realtà, a dirla tutta, non avevo neppure il sospetto che ne sarebbe saltato fuori un romanzo...
Era da un po' di giorni che mi frullava per la testa l'incipit di un racconto, una storia in cui due uomini si trovavano l'uno di fronte all'altro, nello scantinato di un palazzo: una sorta di "bozzetto" preliminare in cui i pochi tratti certi erano la presenza di una Beretta, e il fatto che uno dei due fosse ostaggio dell'altro.
L'ossatura del racconto in questione si può intravedere nelle prime quattro pagine del romanzo.




Perché proprio gli Angeli?

Un ateo come il sottoscritto poteva in effetti scegliersi mille altri argomenti diversi, intorno ai quali sviluppare un romanzo che non quello degli angeli: ma come ho già detto qualche riga sopra, non siamo noi che scegliamo le storie, bensì sono loro che decidono quando e come farsi raccontare da chi ne ha tempo e voglia: il modo in cui "The Angels Chronicles" è venuto fuori, e si è successivamente sviluppato intorno ad un semplice racconto hard boiled di poche pagine, può essere un esempio a proposito di quel che sto affermando.
Ricordo come se fosse ieri il giorno in cui, con il computer di fronte, non sapendo come diavolo andare avanti con quel maledetto racconto, ero indeciso se buttare il portatile dalla finestra oppure buttarmici io stesso, magari con il mio acer tra le braccia. Sarebbe stata una morte alquanto poetica, per uno scrittore, mi venne da pensare per un attimo. Il fatto che mi trovassi solamente al secondo piano, era un particolare che per il momento avevo deciso di trascurare...

Come accadde che gli angeli bussarono alla mia porta

Ad ogni modo, ero lì di fronte al computer, inerme: le mie dita semplicemente non sapevano che tasti battere e c'erano questi due uomini che aspettavano che io gli facessi fare qualcos'altro che non fissarsi negli occhi. Sapevo che Jake Blues si aspettava da me qualcosa di eccezionale, fuori dagli schemi, e sapevo anche che era una cosa che gli dovevo (tendo sempre ad affezionarmi un pochino, ai miei personaggi). Quindi, siccome non avevo voglia di lanciare il computer, tantomeno me stesso, dalla finestra, mi alzai dalla sedia e accendendomi una sigaretta feci lo stesso con la radio. Nel senso che accesi anche quella...






Per farla breve, la prima canzone che sentii appena accesi la radio era "Angels with dirty faces" dei Los Lobos, direttamente da quel capolavoro assoluto del rock che è "Kiko" (un album del 1992)... mentre l'ascoltavo, mi venne in mente che c'era anche un film che si chiamava a quel modo: un film molto vecchio (qualcuno potrebbe dire addirittura preistorico), un film sulla malavita di New York... fu una questione di pochi secondi, prima di veder spuntare le ali a Jake Blues ed iniziare così  ad avventurarmi in quello che sarebbe diventato "The Angels Chronicles"




"The Angels Chronicles" @ LaFeltrinelli.it

IL CUORE NERO DEGLI ANGELI

IL CUORE NERO DEGLI ANGELI
IL CUORE NERO DEGLI ANGELI
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Estratto di "The Angels Chronicles" by Casini Editore

Lettori fissi