Visioni, deliri e racconti a proposito di cultura horror, musica, cinema, libri e humor nero tendente al macabro...

lunedì 26 novembre 2012

I migliori film d'esordio di tutti i tempi

Vi è mai capitato di guardare "un film della madonna" (giusto per usare un termine tecnico) per poi scoprire che il regista in questione è un assoluto esordiente? Insomma, sto parlando di quei geni da one-shot one-kill che ogni tanto atterrano sul pianeta terra, si dimostrano i migliori in qualsiasi campo e fanno sembrare tutti gli altri degli emeriti coglioni. Sono cose che fanno riflettere, sapete... cioè, di solito uno ci mette un po', prima di ingranare e fare dei capolavori: persino autori come Fellini, Kurosawa, Herzog e Kubrik sono partiti in sordina. Eppure ogni tanto capita che sia buona la prima, come si dice nel gergo cinematografico, e che uno riesca a dimostrare la sua genialità fin da subito, come se la dea dell'ispirazione lo avesse sfiorato nella culla con le sue mani argentate. Cosa voglio dire, con tutto ciò? Per farvela breve, ho pensato questa volta di fare una classifica dei dieci film d'esordio più fulminanti di sempre. E con fulminanti, intendo per l'appunto dei capolavori, dei film talmente belli, perfetti e artisticamente validi che si stenta a credere che siano delle opere prime. Ma come cazzo avranno fatto, dico io...
Ecco a voi la classifica de

I migliori film d'esordio  

  1. Blood simple: I fratelli Cohen esordiscono col botto e scrivono, nonchè dirigono un noir perfetto, impeccabile, una storia che tiene col fiato sospeso dall'inizio alla fine, un mezzo capolavoro in cui ogni movimento di camera è allo stesso tempo un esercizio di stile e ponderatezza. Brutale, avvincente, senza una sbavatura. Chi ha adorato "Non è un paese per vecchi" non se lo faccia sfuggire. Gran premio della giuria al Sundance Festival del 1985.
  2. Le iene: il film che ha rivelato al mondo la bravura di Tarantino, sia come regista che come sceneggiatore. Una storia ad orologeria, dalla sceneggiatura first answer then question che ha fatto scuola. Ispirato "Rapina a mano armata", di Kubrik, "Le iene" è il classico esempio di come si possa fare del gran cinema senza bisogno di spendere una fortuna. Un cast stellare per uno dei film più belli di sempre.
  3. La casa: prima che l'uomo ragno ce lo portasse via per sempre (anche se Drag me to Hell, a dire il vero, mi ha ridato qualche speranza in proposito) Sam Raimi era uno dei registi horror più promettenti degli anni ottanta. E La casa è sicuramente da annoverare tra i capolavori horror di sempre. Funambolico.
  4. Eraserhead: che David Lynch sia un genio è una tesi fuori discussione. Tra l'altro, Eraserhead era il film preferito di Charles Bukowski e solo per questo meriterebbe di essere visto almeno una volta. Non è un film facile, e ad un primo impatto è sicuramente spiazzante. Ma basta abbandonarsi alla visionarietà Lynchiana, senza chiedersi troppi perchè, ed ecco che il capolavoro si rivela in tutta la sua bellezza estetica. Perchè Eraserhead è soprattutto da vedere, senza ragionarci troppo sopra. Un capolavoro surreale e poetico.
  5. Chopper: nel momento in cui sto scrivendo questo post, è uscito da poco nelle sale italiane il terzo film di Andrew Dominik, "Corgan", interpretato da un superlativo Bradd Pitt. Ma prima ancora di Corgan e di Billy The Kid, Andrew Dominik aveva girato uno stupefacente film d'esordio su uno dei miei criminali preferiti di tutti i tempi, un gioiellino che il sottoscritto si è visto almeno una decina di volte: "Chopper". Naturalmente, non sto a spiegarvi il perchè sia particolarmente affezionato a questo film (potete capirlo leggendo questo post), ma credetemi se vi dico che, tecnicamente parlando, "Chopper" è girato con una varietà di stile, colore e linguaggio tali da rendere ancora più affascinante una storia che di per se lo sarebbe già da sola, senza bisogno di virtuosismi particolari. Il che rende "Chopper" un mezzo capolavoro sotto tutti i punti di vista.
  6. Un Chien Andalou: due tra gli artisti più importanti del secolo scorso (salvador Dalì e Louis Bunuel) uniscono le loro menti geniali e partoriscono il manifesto cinematografico del surrealismo. Un'opera prima di straordinaria importanza artistica, che ha segnato un'epoca e ridefinito il concetto di corto cinematografico.
  7. La casa dei mille corpi: Rob Zombie è uno dei registi horror più importanti degli ultimi dieci anni e il suo esordio alla macchina da presa è qui a dimostrarlo: a metà strada tra Tobe Hopper e Herschell Gordon Lewis, Zombie dirige uno dei film più malati di sempre, inventandosi la nuova famiglia horror per eccellenza: i Firefly. Tra reminescenze slasher anni settanta e splatter anni ottanta, La casa dei mille corpi è un gioiello horror che qualsiasi appassionato del genere non può farsi sfuggire.
  8. Easy Rider: Dennis Hopper e gli anni sessanta: tra droghe, Harley Davidsons fiammanti e freeway selvagge, il capolavoro psichedelico che ha segnato un'epoca. La colonna sonora, tra l'altro, è semplicemente da urlo. Uno dei film più belli e selvaggi di sempre.
  9. Memento: Per chi ancora non lo avesse capito, Batman vari a parte, Christoper Nolan è uno di quei registi a cui non piacciono le storie banali: tant'è che la sua opera prima, Memento, è sicuramente una delle più originali che mi sia capitato di vedere in vita mia. Giocando con il tempo e la sceneggiatura, Nolan dirige un giallo a ritrorso, tenendo gli spettatori incollati allo schermo fino ai titoli di coda per vedere la fine di un film che in realtà ne è l' inizio. Innovativo e semplicemente geniale.
  10. Violent Cop: ok, Kitano è uno dei miei idoli... che ci volete fare? Però Violent Cop è un signor film, indipendentemente dalla mia adorazione nei confronti del maestro, e sfido chiunque a dire il contrario. Una storia asciutta, tecnicamente impeccabile, che imprime senza mezzi termini nella mente dello spettatore la visione del cinema, nonchè della vita, di Beat Takeshi. Un cazzo di capolavoro, non ci sono storie.
Opere tutelate con www.patamu.com

  

6 commenti:

  1. eheheeh lo sapevo che ci mettevi Rob Zombie! super-daccordo su Sam Raimi e Dennis Hoper!

    RispondiElimina
  2. Guarda, a mio parere è uno dei film horror più belli di sempre... Zombie è un po' il Fellini dell'horror :)

    RispondiElimina
  3. Risposte
    1. Beh, molti si trovano sul tubo se t'interessa... :)

      Elimina
  4. Si, questi dieci film possono andare, non c'è male... no, non non dicevo nei film ... lì c'è n'è, hai voglia!! :-)

    RispondiElimina

IL CUORE NERO DEGLI ANGELI

IL CUORE NERO DEGLI ANGELI
IL CUORE NERO DEGLI ANGELI
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Estratto di "The Angels Chronicles" by Casini Editore

Lettori fissi